Il freno e Mr. Moto

Che cos’è una PMQ?

“Non ci voleva, non adesso, non così!”

Il progetto in cui tanto avevo creduto ed investito, non era stato approvato. Mi sentivo all’angolo, solo e senza alcuna idea davvero buona per uscirne: già non era un bel periodo, questa ulteriore spallata stava davvero mettendo in crisi il mio “sistema”.

Decido quindi di chiamare il mio caro amico Mr. Moto (lo chiamo così per la sua passione smisurata per le due ruote) per sfogarmi con lui. Lui mi ascolta e, appena gli lascio un minimo spazio, mi chiede: “Hai finito? Devo dirtelo io cosa fare? Dici che nessuno ti può capire: guardati intorno e fai la conta di tutti quelli che ti hanno supportato (e sopportato) in questi anni. Pensi davvero che non lo faremo più? Smettila di guardare il bicchiere mezzo vuoto, guardalo mezzo pieno e se proprio è vuoto vendilo!”

Ci dormo su e il giorno dopo riparto, piano piano e, un pezzo alla volta, li metto tutti insieme: amici e colleghi mi aiutano ad aggiustarlo e il progetto modificato passa.

Ne parlo con Mr. Moto dopo qualche giorno: “Sai la cosa più assurda di tutto questo?”, mi dice, “una volta sei stato tu a ricordarmi l’importanza delle piccole cose che avevo intorno e del loro potere di “togliere il freno” ed essere l’additivo nella benzina del mio motore!”.

Aveva ragione: è un allenamento che suggerisco sempre, solo che quella volta ero io ad essermene dimenticato! Grazie a Mr. Moto e a quella sua piccola grande magia ero riuscito a tornare in sella!

Una Piccola Magia Quotidiana è proprio quel piccolo gesto di attenzione che riceviamo o doniamo, che a volte diamo per scontato, che magari nemmeno riusciamo a vedere. Portando questo piccolo gesto in evidenza e condividendolo con chi ci sta attorno, possiamo tornare ad apprezzare la bellezza nascosta in ciascuno di noi e negli altri ed imparare a guardare quel che ci succede in maniera diversa.

Perché uno spazio nel nostro blog dedicato alle PMQ?

La qualità della vita quotidiana di ciascuno di noi è fatta certamente di grandi e visibili contributi (sentimenti, emozioni, tecnica, esperienza, capacità), ma si nutre e si rinforza anche grazie a qualcosa di meno definibile e meno evidente ad un primo sguardo, ma con un fortissimo potere.

Abbiamo quindi pensato di chiederti, se lo vorrai, un contributo: diventare insieme a noi un “segugio” di Piccole Magie Quotidiane!

Raccontaci un piccolo gesto che hai ricevuto o di cui sei stato portatore e, se pensi sia opportuno, condividilo con noi: ci faremo carico di trasformarlo in una PMQ, affinché la tua storia, che proteggeremo garantendoti la massima riservatezza e tutela della privacy, possa diventare uno strumento utile per tutti.

Non ti chiediamo un lungo e complicato racconto: aiutaci semplicemente a comprendere come stavi prima che succedesse, quale piccola magia ti è capitata e come ti è stata d’aiuto per cambiare il tuo stato d’animo o il modo di vedere le cose in quel momento.

Tante Piccole Magie Quotidiane raccontate e rese patrimonio comune potranno così diventare un volano di positività che si autoalimenta, cresce e può diventare un aiuto per tutti. 

Scrivici a info@cm-consulenza.com

Grazie del tuo contributo!

3 risposte

  1. Vi racconto la mia piccola magia. Mattina uggiosa, peggiore di altre, notte tormentata a pensare a come migliorare un’attività, come correggere il tiro. Ti svegli e fuori è buio, è inverno e piove, una di quelle mattine in cui vorresti rimanere sotto le coperte mentre sai di doverti alzare, portare i bambini a scuola e fare 200km per arrivare da un cliente. All’improvviso a tavola, tra una tazza di latte e un biscotto mangiucchiato mio figlio grande afferma “che brutta giornata!” e la piccolina di casa, quella sempre sorridente, si gira pacata e risponde “fuori piove ma non è una brutta giornata, c’è brutto tempo”. Una grande lezione che ha cambiato il mio sguardo sulla giornata.

    1. Grazie Katia,
      la forza dirompente di “grandi lezioni” a volte risiede in “piccoli maghi”: grazie davvero per avere condiviso questa PMQ e, a questo punto, attendiamo altre “magie”!
      Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.