Cambiare casa: un sogno o un incubo?

Dipende dalle competenze!

Siti di agenzie immobiliari, giardino o ultimo piano, città o campagna, mutui, scelta del notaio, colore del divano, prima l’elettricista o il cartongessista: vi è mai capitato di imbattervi in una scelta come quella di cambiare casa?

Qualche mese fa i miei genitori hanno deciso di farlo: una scelta importante fatta pensando in ottica previsionale futura che ha comportato, però, anche un distacco da alcune abitudini di vita ormai consolidate e legami forti coltivati nel tempo.

Stimo molto la loro capacità di essere diversi, ma di riuscire in questa diversità a completarsi, supportarsi ed integrarsi, spinti da forti valori di base condivisi. Cambiare casa non è una scelta semplice e, una volta fatta, richiede un forte investimento di tempo, risorse economiche, fatica fisica e mentale. Poi, forse per deformazione professionale, mi sono trovata a pensare che cambiare casa richiede anche molte competenze sulle quali spesso mi capita di fornire supporto ai miei clienti nei percorsi formativi e negli incontri di counseling.

Negli anni le competenze di cui parlo hanno modificato diverse volte il loro nome, vuoi per motivi di approccio disciplinare o per l’ambito di applicazione o ancora per una questione di marketing, passando da aggettivi quali: trasversali, soft, manageriali, relazionali, … A me piace chiamarle “life skills”, competenze di vita, sulla scorta di quanto già all’inizio degli anni ’90 l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) aveva sostenuto: “con il termine skills for life si intendono tutte quelle skills (abilità, competenze) che è necessario apprendere per mettersi in relazione con gli altri e per affrontare i problemi e le pressioni della vita quotidiana” (OMS, 1992).

Quali sono, dunque, alcune delle competenze necessarie per cambiare casa?

Innanzitutto, l’autoconsapevolezza o consapevolezza di sé, necessaria sia per esplorare i propri desideri e iniziare a pensare al progetto di cambiamento, sia per individuare le aree in cui ci sentiamo autonomi e ferrati distinguendole da quelle in cui potremmo avere bisogno di un supporto, ad esempio un professionista con competenze tecniche.

Individuata l’idea, avremo bisogno di definire un budget e fare una previsione dei costi, comparando il tutto con le disponibilità economiche sia sul breve che sul medio-lungo periodo. È una competenza un po’ più specifica e tecnica, ma sicuramente si rivela indispensabile a fronte di una spesa rilevante come l’acquisto e la ristrutturazione di una casa.

Comunicazione efficace e abilità relazionali serviranno per mettersi in contatto con i diversi professionisti e creare un rapporto di fiducia e di collaborazione: dall’agenzia immobiliare all’eventuale proprietario, dalle aziende che potrebbero doversi occupare della ristrutturazione, ai tecnici per le certificazioni, fino ai rivenditori di mobili. Dovremo essere in grado di descrivere il nostro progetto di cambiamento per fare in modo che possa venire concretizzato nel migliore dei modi, proprio come l’abbiamo pensato e desiderato.

Una volta individuati gli interlocutori, arriva il momento delle abilità negoziali. Cambiare casa prevede molti ambiti negoziali differenti: economico (prezzi di vendita/acquisto, richiesta di mutui o finanziamenti, …), temporale (consegna, inizio e fine lavori, …) e relazionale (negoziare la nostra idea, la gestione di eventuali conflitti, …). Opzioni richieste, opzioni obiettivo, opzioni limite, strategie negoziali, fattori influenzanti la negoziazione: sono tutti elementi che dovremo padroneggiare per raggiungere i nostri obiettivi negoziali.

E poi sarà la volta della scelta, la fase conclusiva del processo di decision making (presa di decisione). Ogni giorno capita di fare scelte e prendere piccole o grandi decisioni, non sempre siamo consapevoli della complessità che il processo decisionale porte con sé. Definire l’obiettivo, reperire informazioni, studiarle e approfondirle, prevedere l’influenza che le possibili opzioni di scelta genereranno, definire quale di queste per noi sarà più adeguata attraverso un’analisi costi/benefici: sono le principali fasi del processo decisionale che poi porterà a quella finale, cioè la scelta. 

Cambiare casa richiede una serie innumerevole di scelte, alcune di queste, come nella migliore delle favole, ci potrebbero portare a confrontarci anche con situazioni critiche. Emergerà in questi casi l’importanza del problem solving, la capacità di risolvere problemi individuandone le cause e le influenze, immaginando e valutando soluzioni alternative e creative, mettendo, poi, in atto quella che ci appare migliore. Risolvere problemi e prendere decisioni sono due competenze che si influenzano reciprocamente e che, se ben padroneggiate, possono prevenire situazioni di disagio, malcontento o conflitto.

Ultimo, ma non per importanza, il tema dell’organizzazione e gestione del tempo. Quando si decide di cambiare casa, ci si deve confrontare con la propria agenda (quale e quanto tempo destinare alle diverse fasi che ci permetteranno di concludere il nostro progetto), ma anche con l’agenda di altri: tempi di vendita/acquisto, agende dei diversi professionisti coinvolti, scadenze burocratiche e normative. Tutta una serie di incastri e destreggiamenti organizzativi che se ben progettati possono evitarci situazioni problematiche, ritardi, assenze e accavallamenti non previsti.

Realizzare il proprio progetto di cambiamento comporta alcune complessità e richiede, come molte altre situazioni della nostra vita, di padroneggiare alcune competenze necessarie per fare in modo che il nostro sogno non si trasformi in un incubo!

In quali di queste competenze di senti “forte”? Quali pensi potrebbero far parte delle tue aree di miglioramento?

Ti vengono in mente altre competenze utili? 

Se hai voglia di raccontarci la tua esperienza, scrivila nei commenti oppure a info@cm-consulenza.com, ci faremo carico di trasformarla in un futuro articolo o in una PMQ, affinché la tua storia, che proteggeremo garantendoti la massima riservatezza e tutela della privacy, possa diventare uno strumento utile per tutti.

Se invece senti il bisogno di un supporto, scrivici a info@cm-consulenza.com, potremo proporti diversi percorsi di approfondimento e sviluppo.

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *